Donatori - Avis-Seveso : Sezione Sevesina dei donatori volontari di sangue

Vai ai contenuti

Menu principale:

Donatori

Donatori



REQUISITI PER ESSERE IDONEO ALLA DONAZIONE

SANGUE INTERO
Età:compresa tra i 18 ed i 65 anni (è possibile continuare a donare previa una rivalutazione periodica dello stato di salute ed in particolare della condizione cardiocircolatoria e comunque riducendo il numero di donazioni annue)
Peso: non inferiore ai 50 Kg
Emoglobina: non inferiore a 12,5 g/dl per le donne e 13,5 g/dl per gli uomini
Pressione arteriosa: la sistolica (cioè la massima) deve essere compresa fra 110 e 180 mmhg: la diastolica (cioè la minima) fra 60 e100 mmhg. Valori di pressione arteriosa anche se compresi nei limiti legali possono,in alcuni casi, a giudizio del medico, essere considerati motivo di sospensione temporanea
Polso deve essere ritmico e con una frequenza compresa fra 50 e 100 battiti al minuto
Plasma
Peso,pressione arteriosa e polso: come per il sangue intero.
Età: plasmaferesi continuativa (18-60 anni), plasmaferesi occasionale (18-65 anni)
Emoglobina: non inferiore 11,5 g/dl per la donna e 12,5 g/dl per l'uomo.
Protidermia: non inferiore a 6 g/dl
Quadro elettroforetico: non alterato.


RINVIO PER PERIODI DI TEMPO A DURATA VARIABILE

* Vaccinazioni: Periodo variabile da 48 ore a 4 settimane a seconda del tipo
1 anno per vaccinazione antirabbica se praticata dopo esposizione.
* Intervento chirurgico minore: Una settimana.
* Assunzione di farmaci: Rinvio per un periodo variabile di tempo secondo il farmaco
assunto e la patologia oggetto di cura.
* Malattie Allergiche: Sospensione nel periodo sintomatico. È raccomandata la
valutazione della storia donazionale per evidenziare l’eventuale allergia
o intolleranza al citrato che sconsiglia la donazione in aferesi.
In caso di allergia ai farmaci, particolare riguardo alla penicillina, con rinvio di un anno dopo l’ultima esposizione.
* Cure odontoiatriche Cure di minore entità da parte di dentista o odontoigenista esclusione per 48 ore.
L’estrazione, la devitalizzazione ed interventi analoghi sono considerati interventi chirurgici minori.

MOTIVO DI TEMPORANEA ESCLUSIONE DALLA DONAZIONE
3 MESI
* Viaggi in zone endemiche per malattie tropicali
4 MESI

* Esposizione accidentale al sangue o a strumenti contaminati dal sangue
* Trasfusione di sangue e/o emocomponenti o trattamento con farmaci emoderivati (es. immunoglobuline antitetaniche) (*)
* Trapianto di tessuti o cellule di origine umana (*)
* Esame endoscopico con strumenti flessibili
* Interventi chirurgici maggiore (*)
* Rapporti sessuali con persone infette o a rischio maggiore di infezione da HBV, HCV, HIV
* Rapporti sessuali occasionali a rischio di trasmissione di malattie infettive
* Agopuntura (se non praticata da un medico autorizzato e con dispositivi a perdere)
* Tatuaggi; Piercing
* Gravidanza: 1 anno dopo il parto
* Persone a rischio dovuto a stretto contatto domestico con persone affette da epatite B
(*) La patologia di base per cui sono stati necessari gli interventi asteriscati, potrebbero definire periodi di sospensione più lunghi o sospensione definitiva.
6 MESI

* Malattia di Lyme – dopo la guarigione
* Mononucleosi – dopo la guarigione
* Toxoplasmosi – dopo la guarigione
* Interruzione di gravidanza (eccettuate circostanze eccezionali e a discrezione del medico)
* Soggiorno in zone malariche (per donazione di sangue intero)
2 ANNI
(dopo guarigione definitiva)
* Tubercolosi
* Osteomielite
* Brucellosi
* Febbre Reumatica (in assenza di cardiopatia cronica)
* Febbre Q
5 ANNI

* Glomerulonefrite acuta (dopo completa guarigione)

INTERVALLO TRA DUE DONAZIONI
Da donazione di : - A donazione di :
Sangue intero - Sangue intero - 90 giorni
(max 4 volte all'anno per l'uomo, max 2 volte all'anno per la donna)
Sangue intero - Plasmaferesi - 30 giorni
Plasmaferesi - Plasmaferesi - 14 giorni
Plasmaferesi - Sangue intero - 14 giorni

MOTIVO DI PERMANENTE ESCLUSIONE DALLA DONAZIONE
Assunzione di sostanze farmacologiche quali sostanze stupefacenti, steroidi o ormoni a scopo di culturismo fisico somministrati per via IM, ed EV o tramite altri strumenti in grado di trasmettere gravi malattie infettive
Soggetti sieropositivi per HIV/AIDS-HTLV I/II e le loro partners sessuali
Soggetti con attività sessuale con diversi partners, ovvero con comportamenti sessuali che li espongono ad un alto rischio di contrarre gravi malattie infettive trasmissibili con il sangue
Sifilide Lebbra Babebiosi Leishmaniosi Tripanosmiasi (M. di Chagas)
Epatite B (HbsAg positivo), Epatite C, Epatite ad eziologia indeterminata.
Cardiopatie, coronaropatie, angina pectoris, aritmia grave, trombosi venose e arteriose, tendenza anomala all’emorragia.
Malattie della pelle diffuse
Affezioni gastrointestinali, epatiche, urogenitali, ematologiche, immunologhe, renali, metaboliche e respiratorie gravi in forma attiva, cronica o recidivante.
Tumori maligni (eccetto cancro insito con guarigione completa)
Malattie autoimmuni (ad esclusione della Malattia Celiaca purché il donatore segua una dieta priva di (glutine)
Epilessia ed episodi convulsivi (escluso convulsioni febbrili infantili); svenimenti
Gastroresecati
Malattie del sistema nervoso, Encefalopatia Spongiforme Trasmissibile (TSE) (es. malattia di Creutzfeldt-Jakob) presenza di casi nella famiglia di insonnia familiare mortale.
Soggiorni nel Regno Unito dal 1980 al 1996, anche per brevi periodi di tempo, per un totale di oltre sei mesi.
Donatori che hanno ricevuto trasfusioni allo geniche nel Regno Unito dopo il 1980.
Malattie psichiche.Diabete insulino-dipendente.Alcolismo cronico.
Somministrazione di ormoni ipofisari di origine umana (es. ormone della crescita, gonadotropina)
Riceventi xenotrapianti.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu